Autore: decanato

La campagna di digiuno “Sette settimane senza” durante il periodo di Quaresima è ormai consolidata nella Chiesa protestante. Digiunare, rinunciare a qualcosa, forse anche liberarsi temporaneamente da qualcosa – sì, ma non secondo uno schema rigido, bensì secondo la propria vita. Ogni anno vengono proposti dei suggerimenti. Ad esempio, rinunciare temporaneamente al consumo eccessivo di mass-media potrebbe essere più importante e allo stesso tempo più difficile che rinunciare temporaneamente ai dolci o alla carne.La proposta di quest’anno è molto particolare: “Sette settimane senza stare da soli”. Ora che il primo mese del nuovo anno è già passato, potrei chiedere: “Che…

Read more...

Tu, invece, persevera nelle cose che hai imparate e di cui hai acquistato la certezza, sapendo da chi le hai imparate, e che fin da bambino hai avuto conoscenza delle sacre Scritture, le quali possono darti la sapienza che conduce alla salvezza mediante la fede in Cristo Gesù.  Ogni Scrittura, ispirata da Dio, è utile a insegnare, a riprendere, a correggere, a educare alla giustizia. (2 Tim 3, 14-16)Nel contesto dei versetti precedenti, diventa più chiaro ciò che ci ricorda il versetto di febbraio in 1 Timoteo 3:16: cioè che anche nelle situazioni difficili e nei momenti di prova possiamo…

Read more...

Perché il Dio che disse: «Splenda la luce fra le tenebre» è quello che risplendé nei nostri cuori per far brillare la luce della conoscenza della gloria di Dio, che rifulge nel volto di Gesù Cristo. (2 Corinzi 4:6)Paolo torna alla Creazione, e quindi alla creazione della luce: “Dio disse: Sia la luce. E la luce ci fu. E così è chiaro: Dio è il creatore della luce. Non un cervello umano e non un movimento politico. Neanche la Chiesa è il creatore della luce.Dove in questo mondo c’è luce, dove sorge realmente e figurativamente il sole, dove le persone…

Read more...

Care lettrici e cari lettori,questo è il motto che ci viene dato per il nuovo anno 2024. Una parola che l’apostolo Paolo ha posto alla fine della sua lettera per ricordare ancora una volta ai suoi lettori ciò che conta davvero: tutto ciò che fate deve essere fatto nell’amore. Tutto, penso, davvero tutto? E affronto la mia giornata, una delle tante che mi aspettano nel nuovo anno. Dall’alzarsi alla colazione e all’andare in panetteria. Le conversazioni al telefono, la lettura e la scrittura delle e-mail. Tutto ciò che si fa dovrebbe essere fatto con amore. E mi chiedo come posso…

Read more...

L’Avvento è un tempo di attesa.Anche di aspettative.Chi state aspettando?O cosa vi aspettate?Dalla vita? Da voi? Da Dio?Dai vostri partner?Dio vuole venire nel mondo. Ma da quale angolo arriverà?Nel trambusto della vita quotidiana, potremmo non accorgerci di lui e non ascoltarlo. Troppe cose ci tormentano e ci sollecitano ogni giorno.Questo deve aver preoccupato anche il profeta Giovanni. Tanto da mandare i suoi discepoli fuori dalla prigione a chiedere a Gesù: “Sei tu che devi venire? O dobbiamo aspettare qualcun altro?”.In altre parole: l’aspettativa che io, come profeta Giovanni, ho predicato nel deserto era corretta? O forse mi sono sbagliato? Gesù non risponde alla domanda di Giovanni…

Read more...

Caro lettore e cara lettrice! Dopodomani è la prima domenica d’avvento. Qui, nel Nord-Italia questa affermazione non stupisce: da due settimane tutto intorno a noi brilla e lampeggia di nuovo. Ma se guardo dentro di me, sono contenta di questo particolare periodo dell’anno? Con le sue decorazioni, i suoi odori, il sapore di biscotti natalizi fatti a casa? Con tutte le preparazioni per per il Natale? Oppure penso: accidenti! Ancora un’altra volta? Di nuovo questo stress di settimane super impegnative, con più appuntamenti lavorativi e personali del solito? Inoltre la guerra a Gerusalemme e Betlemme e da quasi tre anni…

Read more...

Novembre e l’autunno ci ricordano in qualche modo la caducità e la fine di tutto. Le notti più lunghe, l’inizio del freddo, la caduta delle foglie, i campi spogli e gli alberi secchi: tutto ci ricorda la fine e la morte.In questo periodo i cristiani commemorano la morte, il morire e i morti in modi diversi. La Chiesa protestante ora chiama l’ultima domenica dell’anno liturgico più spesso Domenica dell’Eternità anziché Domenica della Morte, come si soleva dire nel passato. Questo sposta l’accento dalla morte e dalla caducità alla speranza e al futuro, che sono promessi per fede.Nonostante la promessa di…

Read more...

Un programma di RAI 3 a cura della Federazione delle chiese evangeliche in Italia 850 ANNI. VALDESI IERI E OGGI Domenica 18 febbraio 2024 alle ore 7,00 Repliche Martedì notte 20 febbraio alle ore 1,10Mercoledì notte 21 febbraio alle ore 1,10Lunedì notte 26 febbraio alle ore 1,45 circa sempre su RAI 3 In questa puntataIl 21 febbraio del 1984 è stata firmata nel nostro paese la prima Intesa, prevista dall’articolo 8 della Costituzione, tra lo stato italiano e la chiesa valdese.In questi quarant’anni tante confessioni religiose, anche non cristiane, sono arrivate alla sottoscrizione di un’Intesa con lo stato ma molte sono ancora in attesa e per…

Read more...

Cara lettrice, caro lettore! I colori dell’autunno sono spesso variopinti, caldi e rilassanti. Ma i mesi di ottobre e novembre ci ricordano anche la caducità della nostra vita. Le foglie scolorite cadono dagli alberi e nella Chiesa luterana, nel giorno della Riforma, il 31 ottobre, l’uomo mortale si trova di fronte al Dio eterno. Cosa ci sostiene quando diventiamo più deboli? Più una persona invecchia, più può rendersi conto di quali rapporti siano amicizie genuine e affidabili e quali superficiali, o addirittura di quali siano solo opportunistiche, con persone che hanno voltato le spalle appena non si stava più bene.…

Read more...