Autore: decanato

Caro lettore! Attualmente sono impegnato nella ristrutturazione di un bagno. Il principale artigiano responsabile è un uomo onesto e laborioso. Lavora ben oltre il livello normale. Anche nel giorno del suo compleanno, va a trovare i clienti fino a tarda sera. È molto apprezzato dai clienti per la sua affidabilità e il suo impegno. Ciò che probabilmente lo spinge maggiormente è il desiderio di dare alla moglie una bella vita. Per il suo compleanno le ha regalato un’auto nuova. Tuttavia, anche il suo carico di lavoro ha il suo peso. Lavora oltre i limiti delle sue forze. Di recente, non…

Read more...

A nessuno piace sentirsi impotente. Ma a volte ci troviamo in situazioni in cui non si può fare nulla. Dopo secoli di sfruttamento come schiavi in Egitto, gli israeliti erano finalmente liberi. Sotto la guida di Mosè, Dio li aveva condotti fuori dalla terra dei loro aguzzini. Ma ora erano in trappola: il Mare dei Giunchi si stendeva davanti a loro e le truppe dell’esercito egiziano, che il Faraone aveva inviato per riconquistare la manodopera a basso costo, si avvicinavano da dietro. Avevano la possibilità di scegliere tra la peste ed il colera: la morte immediata per annegamento o per…

Read more...

Il Figlio dell’uomo è venutoa cercare e a salvare ciò che era perduto. (Lc 19,10) Le storie della Bibbia sono come le storie di famiglia.Le raccontiamo per trovare in esse una casa.Ma le raccontiamo anche per cambiare le storie e noi stessi in modo curativo. La domenica delle braccia aperte ascolteremo la “Parabola del Figliol Prodigo” (Luca 15).Chi non la conosce?Un padre – due figli. Non sembra esserci una madre.Nell’interpretazione generale, i figli stanno per le persone, il padre per Dio. Il ragazzo più giovane chiede l’eredità prima del tempo, va in giro per il mondo, combina solo guai, sperpera…

Read more...

L’acqua della vita Chi di noi non ha mai ascoltato il gorgoglio dell’acqua accanto a un ruscello limpido? Soprattutto in questa stagione, quando faccio delle gite con il mio cane nel Carso triestino, mi è capitato spesso di trovarmi vicino all’acqua. L’acqua scorre tranquilla come un ruscello, oppure si precipita sui sassi come un torrente di montagna. Costante eppure sempre diversa. L’inizio del ruscello è la sorgente. La destinazione del ruscello è la confluenza nel fiume. In questo modo, l’acqua diventa anche un’immagine della nostra vita. Sì, l’acqua è vita. Senza acqua non cresce nulla all’esterno, né nei campi né…

Read more...

Potenza o forza – loro hanno una grande attrattiva. In questi tempi ho la sensazione che il mondo intero pensi solo agli armamenti. Perché il mondo ci dice che abbiamo bisogno di coercizione, di ordine, di regole e di sacrifici, e che l’autodifesa deve essere consentita. Anche nella discussione sul futuro della Chiesa, in circostanze estremamente diverse rispetto a 5 anni fa, siamo spesso portati a fare affidamento sulle nostre forze – possiamo farcela!Dio invece ci dice: tutto sarà fatto per mezzo del mio Spirito, dice Dio, il Signore degli eserciti. Dio si disarma e ci mostra altri modi per…

Read more...

Un programma di RAI 3 a cura della Federazione delle chiese evangeliche in Italia PIETRO VALDO PANASCIA: COSTRUIRE CONTRO LE MAFIE Domenica 21  luglio 2024  alle ore 7,00 ReplicheMartedì notte 23 luglio alle ore 1,10Mercoledì notte 24 luglio alle ore 1,10Lunedì notte 29 luglio alle ore 1,45 circasempre su RAI 3 Immagine tratta dalla puntata di Protestantesimo In questa puntataQuesta estate abbiamo deciso di raccontarvi il mondo protestante attraverso quattro ritratti, quattro storie che raccontano anche le vicende del nostro paese…La prima tappa ci porta a Palermo dove la storia di una città si intreccia con quella del pastore evangelico Pietro Valdo Panascia.Da questo…

Read more...

Della felicità e dell’onore dei nostri talenti Care lettrici e lettori! In primavera il verde spunta dal terreno, dai cespugli e dagli alberi. Le persone spostano i loro mobili su balconi e terrazze. Le biciclette vengono rimesse a nuovo e chi ha una decappottabile la fa uscire dal garage e la porta all’aria aperta. Tutti si precipitano fuori nella luce calda e luminosa della primavera. Chi vuole rimanere in casa? Può essere diverso nelle comunità cristiane? I cristiani possono ancora voler stare seduti quando vedono Gesù Cristo che vince la morte, il sole di Pasqua che sorge e un giorno…

Read more...

La Villa Reale di Portici ospita oggi la Facoltà di Agraria. Nella sezione museale potete vedere degli armadi che custodiscono barattoli di vetro. Dentro ci sono sementi di vario tipo: ecco i semi, se restano tali, possiamo ammirarli, toccarli, studiarli, ma niente di più.Gesù, quando parla del regno di Dio, o del senso della sua missione, usa l’immagine di un seme. Una cosa minuscola, che, se non siamo studenti di botanica o agricoltori, ha poche chance di suscitare il nostro interesse. Se il chicco di grano muore, produce molto frutto. Gesù, secondo il vangelo di Giovanni, ci espone questa verità…

Read more...

Nel 1945, il medico e scrittore torinese Carlo Levi pubblicò il romanzo “Cristo si è fermato a Eboli”. Come esiliato dal Nord Italia nella regione Lucania (l’odierna Basilicata) sotto Mussolini, descrive la vita quotidiana di una popolazione rurale. Le sue descrizioni della profonda miseria e dell’abissale povertà scossero la politica dell’epoca e sono ancora oggi commoventi. Sono racconti di vita in uno spazio ristretto, di persone e animali ammassati l’uno all’altro, di una quotidianità caratterizzata da fame, freddo e malaria.Una frase, che dà anche il titolo a questo racconto autobiografico, mi fa riflettere in particolare: “Noi non siamo cristiani”, così…

Read more...