Versetto del 5 Giugno

Non tutte le notizie sono disponibili in tutte le lingue

Caricamento Eventi
5 giugno
Parola del giorno – 05.06.2020
Le mie lacrime sono diventate il mio cibo giorno e notte, mentre mi dicono continuamente: Dov’è il tuo Dio? (Salmo 42,3)
La mia grazia ti basta, perché la mia potenza si dimostra perfetta nella debolezza. (2.Corinzi 12,9)
Salmo 42, 1-3.8-11 secondo Joerg Zink
Come la cerva desidera l’acqua fresca,
così l’anima mia anela a te, o Dio.
L’anima mia è assetata di Dio, del Dio vivente.
Quando sarò arrivata alla meta e lo vedrò?
Sono desolato e piango giorno e notte,
mentre gli uomini intorno a me mi chiedono quotidianamente:
Allora, dov’è il tuo Dio?
Di giorno guardo per trovare Dio,
e di notte bramo della sua misericordia.
Ancore nel sogno alzo la preghiera a lui,
al Dio che tiene la mia vita e il mio cuore.
Dico a lui:
Perché mi hai abbandonato?
Perché mi lasci solo con la mia desolazione,
tutto solo e circonciso da insulti?
Sono così abbattuto, così senza forza.
E coloro che mi odiano, dicono tutto il giorno:
Allora, dov’è il tuo Dio?
Perché sei così abbattuta, anima mia,
e ti agiti tanto in me?
Rivolgiti verso Dio!
Arriverà il tempo in cui ringrazierò.
Allora il mio viso sarà splendente di gioia per l’aiuto
che lui mi ha dato, mio Dio!
Gesù dice ai suoi amici e le sue amiche:
“Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo. Prendete su di voi il mio giogo e imparate da me, perché io sono mansueto e umile di cuore; e voi troverete riposo per le anime vostre.” (Matteo 11,28-29)
Pastora Kirsten Thiele, Napoli