Versetto del 26 Maggio

Non tutte le notizie sono disponibili in tutte le lingue

Caricamento Eventi
26 maggio
Parola del giorno – 26.05.2020
Il Signore guarda dal cielo i figli degli uomini, per vedere se vi è una persona intelligente, che ricerchi Dio. (Salmo 14,2)
Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché potete discernere quale sia la volontà di Dio, cioè quel che è buono, gradito e perfetto. (Romani 12,2)

Oggi leggiamo, tra l’altro, dell’intelligenza, si potrebbe anche dire della sapienza, della quale già avevo scritto altre volte. Perché intelligenza qui non intende solo l’IQ della nostra mente, ma in senso più ampio quel che si intende con sapienza – oltre alla mente viene coinvolto anche il cuore, il centro della nostra vita. E leggiamo del discernimento, anche su quello ho scritto qualcosa poco fa. Dobbiamo discernere che cosa è la volontà di Dio, il Bene dal male, il perfetto dall’imperfetto. E questo non lo possiamo fare solo da noi stessi, con la nostra “intelligenza”, ma siamo in grado di fare ciò soltanto dopo che abbiamo lasciato che Dio ci abbia trasformato. Quando abbiamo permesso a Dio di trasformare la nostra intelligenza, e il nostro cuore, di farlo nuovo, affinché sia in grado del discernimento.

In questo senso Dio guarda ai suoi uomini e donne, per vedere chi sarà intelligente in questo senso. E’ interessante che cosa si intende qui con intelligente: essere intelligente significa: chiedere di Dio. Quindi proprio quello – fare spazio nella mia vita per Dio, e non uno spazio qualsiasi, ma il centro della mia vita. Allora il mio essere si può trasformare, le relazioni con gli altri si possono trasformare, il mio agire in questo mondo si può trasformare. Essere intelligente significa anche: diventare attenti. Attenti a quello che è la volontà di Dio, cioè quel che è buono, gradito e perfetto.E con questo essere attenti a quel che è bene per me, ma anche per il mio prossimo; per la società nella quale vivo; per questa terra che trasformo anche io.

Il Signore guarda dal cielo i figli degli uomini – non sta seduto in lontananza quindi, da qualche parte in un cielo lontano, ma si interessa com’è la nostra vita in questo momento, come noi umani ci trattiamo a vicenda. La Bibbia racconta spesso che Dio non vuole essere Dio senza gli uomini. E dice anche, che l’uomo è una creatura di Dio e destinato a vivere la sua vita in comunione con Dio. Chi è intelligente non passa disattento oltre a Dio. Dio e l’uomo sono destinati ad essere insieme. Il cielo è aperto verso la terra, Dio ci guarda da lì. E protetto sotto lo sguardo di Dio l’uomo si può sviluppare.

Dio, lascia che vivo questo giorno sotto il tuo sguardo. Donami la fiducia che tu mi vedi e che senti gioia quando i nostri sguardi si incontrano.

Dio, il Vivente, fonte e realizzatore di ogni vita,
ti benedica,
ti dia prosperità e ti faccia crescere,
ti dia successo alle tue speranze e frutto alla tua fatica.
Ti protegga da ogni Male,
ti sia protezione in pericolo e rifugio nella paura.

Dio faccia risplendere il Suo volto su di te,
così come il sole sulla terra riscalda e scioglie tutto quel che è congelato
e risveglia ogni cosa per vivere.
Lui sia misericordioso quando sei rinchiuso nella colpa.
Ti scogli da ogni male e ti libera.

Dio alza il volto su di te.
Ti guarda con bontà.
Lui guarda la tua sofferenza e ascolta la tua voce,
ti guarisca e ti consola e ti dia Pace,
benessere del corpo, guarigione dell’anima, amore e gioia,
e ti guida alla tua meta.

Amen. Che significa:
Così vuole il Dio vivente, che rimane in eternità.
Così lo ha fissato seconda la Sua volontà per te.

(Joerg Zink)

Pastora Kirsten Thiele, Napoli