Versetti del 15 gennaio 2021 - Chiesa Evangelica Luterana in Italia

Versetti del 15 gennaio 2021

Not all the articles are present in every language

Loading Events
15 January

La donna prese del frutto, ne mangiò e ne diede anche a suo marito, che era con lei, ed egli ne mangiò (Genesi 3,6)
Può un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutti e due in un fosso? (Luca 6.39)

Dio ha fatto tutto bene nella sua creazione, e molto bene. Ma c’è anche il dubbio, quando vediamo quanta ingiustizia, sofferenza e odio c’è in questo mondo, la buona creazione. La domanda da dove venga il – cospicuo – male è antica quanto l’umanità.

Dio ha creato l’essere umano a sua immagine, ma con una sola eccezione: la conoscenza del bene e del male è riservata solo a Dio. Pertanto, all’uomo non è permesso mangiare di questi frutti. E l’uomo non può sopportarlo – il proibito lo sfida. Dovesse davvero esistere qualcosa che gli fosse proibito?! Questa conoscenza deve davvero essergli tenuta nascosta? Da questa domanda insistente segue l’azione.

E ora ce l’abbiamo, la presunta conoscenza. Vediamo il male ovunque, è evidente. Con il bene, invece, abbiamo più difficoltà. Ci rendiamo conto che la conoscenza del bene e del male è ancora al di là delle nostre capacità. Dio ha pensato bene di lasciare questa conoscenza nelle sue mani. Ora ne abbiamo un frammento e spesso ne disperiamo.

Non possiamo, guardando indietro negli ultimi cento anni, evitare la conoscenza di un male indiscutibile. Vediamo interventi nella creazione ovunque, sia nella scala più grande che in quella più piccola, che ci pongono la questione di come procedere. Sospettiamo che noi stessi siamo intesi per “l’attesa ansiosa della creatura” (Romani 8,19).

La creazione diventa un segnale di stop: Attenzione, questa è la creazione di Dio, non semplicemente una massa di libero smaltimento e sfruttamento!

Pastora Kirsten Thiele, Napoli

Versetti da: “Un giorno una parola. Letture bibliche quotidiane per il 2021”, Claudiana, 2020