Comunità delle Chiese Protestanti in Europa: «Condanna della guerra di aggressione» - Chiesa Evangelica Luterana in Italia

Comunità delle Chiese Protestanti in Europa: «Condanna della guerra di aggressione»

Un lungo testo della Cpce contro la guerra, al fianco del popolo ucraino

La Comunione di chiese protestanti In Europa, cui appartengono 94 chiese luterane, metodiste, riformate e unite di oltre trenta paesi d’Europa e di alcune nazioni latino americane, ha stilato un documento relativo all’invasione russa in Ucraina; testo che proponiamo qui di seguito:

La guerra che la Federazione Russa ha iniziato contro l’Ucraina nel 2014 è entrata in una nuova fase con gli attacchi russi del 24 febbraio 2022. Come Cpce, Comunione di chiese protestanti in Europa, siamo accanto a tutte le persone che soffrono difficoltà insopportabili in Ucraina. Lo facciamo in un triplice modo: preghiamo, parliamo con loro e al mondo e aiutiamo. Insieme, preghiamo, ci lamentiamo ed eleviamo il popolo dell’Ucraina al Dio della pace e della giustizia. Nella preghiera siamo in grado di esprimere l’orrore e il terrore che proviamo mentre il nostro continente è di nuovo dilaniato dalla guerra.  Ci alziamo per condannare la violazione del diritto internazionale da parte del presidente russo Putin e siamo solidali con tutte le sorelle e i fratelli che lavorano per la pace e la riconciliazione. Aiutiamo, secondo i nostri mezzi, per sostenere tutti coloro che soffrono, attraverso donazioni economiche, di beni, con la  logistica e l’assistenza per aiutare le persone ad integrarsi nelle loro nuove comunità. Offriamo ospitalità a coloro che fuggono dalle atrocità della guerra, come comunità ecclesiali e singoli individui.

Come Chiese, preghiamo

Come chiese, siamo chiamati alla preghiera (1. Tess. 5:17). Diamo voce al nostro lamento e diamo testimonianza del potere e della promessa della preghiera. In questo tempo di Quaresima, ci uniamo in tutto il continente europeo per stare insieme alle nostre sorelle e ai nostri fratelli nel bisogno e per intercedere presso Dio.

Una preghiera per la pace

Dio onnipotente – tu sei il Dio della pace e della giustizia. 

Preghiamo per le nostre sorelle e i nostri fratelli in Ucraina 

e per tutti i luoghi che soffrono a causa della guerra.

Mentre ti gridiamo con rabbia e angoscia, preghiamo affinché la pace regni e la giustizia prevalga.  

Kyrie eleison. Signore, abbi pietà di noi. 

Gesù Cristo – tu sei il Principe della Pace. 

Preghiamo che le armi tacciano. 

Preghiamo per coloro che hanno il potere sulla pace e sulla guerra. 

Concedi loro saggezza e compassione nelle loro decisioni e guidali sulla via della pace. 

Kyrie eleison. Signore, abbi pietà di noi. 

Spirito di verità e conforto – tu hai il potere di guarire e riconciliare. 

Preghiamo per coloro che hanno perso i loro cari, le loro case, 

che hanno estremo bisogno di cibo, di bere, di dormire, di sicurezza. 

Ti preghiamo di tenere al sicuro i tuoi figli. 

E preghiamo che tu ci conceda discernimento, cuori aperti e mani pronte ad assistere coloro che sono nel bisogno. 

Kyrie eleison. Signore, abbi pietà di noi.

Come Chiese, noi parliamo 

Come chiese, siamo chiamati a parlare contro l’ingiustizia e la sofferenza e a parlare a nome di coloro che non possono parlare (Prov. 31:8). Alla luce della nostra responsabilità davanti a Dio, ai nostri simili e al Creato, la Cpce condanna l’attacco unilaterale della Federazione Russa allo stato sovrano dell’Ucraina come una violazione del diritto internazionale e una violazione dei diritti umani. Come cristiani, siamo chiamati ad essere operatori di pace (Matteo 5:9). Questo significa che le chiese non possono mai santificare la guerra o il conflitto violento. Ci opponiamo fermamente all’aggressione militare come mezzo inadeguato e inaccettabile di risoluzione dei conflitti. Allo stesso tempo, siamo chiamati ad un’azione responsabile e a proteggere i vulnerabili. Perciò siamo d’accordo con la Carta delle Nazioni Unite: l’Ucraina ha il diritto legittimo all’autodifesa.

Noi crediamo che sia la vocazione dello Stato servire la volontà di Dio di giustizia e di pace per tutta l’umanità. Riconosciamo le decisioni che gli Stati hanno preso per offrire sostegno all’Ucraina attraverso la fornitura di attrezzature difensive. La complessità delle questioni in gioco potrebbe minacciare di sopraffarci e paralizzarci. Come possiamo, come chiese, essere agenti di pace e di riconciliazione, ma non essere spettatori silenziosi di fronte a gravi ingiustizie e violazioni dei diritti umani? Non ci sono risposte facili. E riconosciamo che ogni azione – e inazione – comporta una colpa. Come disse Dietrich Bonhoeffer: “Chiunque agisca responsabilmente diventa colpevole”. Eppure confidiamo nella grazia di Dio, che ci chiama ad un’azione responsabile. La responsabilità include anche la volontà di impegnarsi in un’auto-riflessione critica. Riconosciamo e ci pentiamo quando noi, le nostre chiese, le nostre teologie sono diventate compiacenti, concentrate su noi stesse e sui nostri bisogni, trascurando il nostro compito principale di essere “sale e luce per il mondo” (Matteo 5, 13-16). La responsabilità include la volontà di essere a disagio. Sanzioni economiche efficaci contro la Russia hanno inevitabilmente un impatto sul tenore di vita delle proprie comunità. Qui, è compito delle Chiese agire come rappresentanti vicari e attirare l’attenzione sui più deboli nella società, nei nostri paesi e oltre – poiché la guerra in Ucraina ha conseguenze disastrose anche per molti paesi vulnerabili nel Sud del mondo (per esempio, per l’aumento dei prezzi di cibo e gas).

In piedi nella solidarietà

Siamo solidali con la gente in Ucraina che soffre enormi difficoltà. Siamo con le persone in Russia che sono disposte a rischiare multe o addirittura il carcere per la loro coraggiosa critica alla guerra di Putin.  Siamo con le persone nei paesi vicini che si sentono minacciate. Li sosteniamo con le nostre preghiere, parole e azioni. Allo stesso tempo, chiariamo che mentre condanniamo la guerra di aggressione di Putin, non riteniamo il popolo russo responsabile. Respingiamo fermamente gli atti e i sentimenti anti-russi.

Lavorare per la riconciliazione

Come chiese, siamo testimoni della verità che questo mondo è stato riconciliato con Dio attraverso Cristo e che siamo chiamati ad essere ambasciatori di riconciliazione (2 Cor 5,17), non solo con Dio, ma anche tra gli uomini (Ef 2,14-16). La storia dimostra che una pace sostenibile ha bisogno di riconciliazione. La guerra di Putin contro l’Ucraina e le sue minacce contro la Nato e i paesi occidentali dimostrano che dopo la fine della guerra fredda, le opportunità per una riconciliazione genuina e sostenibile sono state perse perché si è permesso all’odio latente, ai pregiudizi e agli stereotipi di indugiare. Poiché questa guerra stimola nuove riflessioni sulle questioni di sicurezza, difesa e cooperazione in Europa, ci impegniamo a partecipare a questo processo, non ultimo attraverso il nostro impegno nella riconciliazione in Ucraina e oltre.

Come Chiese, aiutiamo

Come chiese, siamo chiamati a dare e a sostenere chi è nel bisogno (Matteo 25:40). L’azione immediata delle chiese comporta un sostegno pratico per coloro che fuggono dalla guerra e per coloro che rimangono in Ucraina, insieme all’impegno per i rifugiati da altre parti del mondo. Questa è carità attiva. Esprimiamo un ringraziamento a tutti coloro che lo fanno. In molti paesi europei si sono formate reti di chiese che organizzano il sostegno in termini di finanze, beni, logistica e assistenza per aiutare i rifugiati a integrarsi nelle loro nuove comunità.

Come chiese, offriamo ospitalità

Come chiese, accogliamo i rifugiati e offriamo ospitalità alle nostre sorelle e ai nostri fratelli nel bisogno (Ebr. 13:2). Quasi tre milioni di persone sono già state costrette a lasciare l’Ucraina; innumerevoli sono stati gli sfollati interni. Sosteniamo, attraverso l’azione e la preghiera, quei paesi vicini all’Ucraina che stanno offrendo più attivamente ospitalità. Ci si aspetta che molte altre persone partano e cerchino riparo in altri paesi europei. Attivando per la prima volta la direttiva sulla protezione temporanea, gli Stati membri dell’Unione europea permettono un sostegno immediato e non burocratico a chi ne ha bisogno, e altri paesi hanno provveduto rapidamente a dare ai rifugiati un facile accesso alla sicurezza.  Vediamo questo come un notevole segno di solidarietà europea con l’Ucraina. Sosteniamo nella preghiera tutti coloro che offrono sostegno attivo e ospitalità ai rifugiati».

(Fonte: Redazione, 22 marzo 2022)