Parola del Giorno

16 Novembre 2020 |Vittime dimenticate

In ogni crisi, in ogni guerra e in ogni conflitto ci sono persone che soffrono. Alcune riescono a sfondare il muro dell’indifferenza e ad entrare nella cronaca. Le cifre delle vittime sono riportate dai media, vengono descritti casi drammatici.

Ma poi ci sono anche le “vittime dimenticate”. Le vittime di cui nessuno parla. Vittime in sordina: ci sono le sorelle che hanno perso i loro fratelli nelle guerre di questo mondo – il trauma della fine di una giovinezza vissuta insieme. Ci sono uomini che hanno visto morire in guerra i loro amici, e nessuno conosce il dolore che portano nell’anima. Sulle nostre strade siedono i senzatetto, che in tempi normali ricevono sempre un dono dai passanti mentre ora, a causa delle restrizioni per il Coronavirus, non ci sono quasi più passanti e le strade sono deserte.

Le “vittime dimenticate” sono le cicatrici di una società. E come per tutte le cicatrici spesso ci si accorge solo molto più tardi delle tracce che restano.

La pace e il benessere sono molto di più che la fine di una guerra o la sopravvivenza ad una crisi. Non arrivano in automatico una volta sepolti i morti. Quando regna la pace, bontà e fedeltà si incontrano, giustizia e pace si baciano. Così dice il Salmo  85 (versetto 11), il salmo della settimana che precede la giornata di lutto nazionale, celebrato il 15 novembre in Germania.

Serve la nostra bontà per capire dove qualcuno ha bisogno di aiuto, indipendentemente dal fatto che basti una buona parola o serva un sostegno maggiore. Senza gentilezza, “l’altro da noi” è ridotto a un semplice numero e l’aiuto è solo un gioco di cifre. Il mondo ha bisogno della lealtà di ciascuno – una lealtà costante che continui a cercare una buona strada di convivenza, dove nessuno sia trascurato e nessuno venga messo da parte, in modo che alla fine non ci siano più “vittime dimenticate”.

Come riuscire a realizzare una convivenza all’insegna della bontà e della lealtà? Dobbiamo farlo con la consapevolezza che con i nostri tentativi umani arriviamo sempre fino ad un certo punto e non oltre. Sapendo che a volte abbiamo bisogno di standard che non sono i nostri. Ma guardando al cielo, possiamo vedere la giustizia.

Certo, la sua salvezza è vicina a quelli che lo temono, perché la gloria abiti nel nostro paese.  La bontà e la verità si sono incontrate, la giustizia e la pace si sono baciate. La verità germoglia dalla terra la giustizia guarda dal cielo.  (Salmo 85, 10 – 12)

Pastora Cornelia Möller, Chiesa Cristiana Protestante di Milano

Trad. nd

Foto: Emilio J. Rodríguez Posada, CC BY-SA 3.0 <http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/>, via Wikimedia Commons