FLM: Candidati cercansi

In giugno 2021 si elegge il successore del dimissorio Segretario Generale Martin Junge
Il presidente della Federazione Luterana Mondiale, FLM, vescovo Panti Filibus Musa, invita le chiese membre a presentare le candidature per il nuovo Segretario Generale della FLM. L’appello ufficiale per le nomine è stato inviato in una lettera datata 14 settembre, dato che l’attuale Segretario generale, il pastore Martin Junge, aveva annunciato a maggio che intendeva dimettersi nell’autunno del 2021. Junge è il primo latinoamericano a ricoprire la carica di segretario generale della LWF; nel 2017 è stato confermato per un secondo mandato di sette anni.

Nella sua lettera, il presidente Musa informa le 148 chiese membro distribuite in tutto il mondo, che il Consiglio ha già nominato un comitato esplorativo di sette membri, la cui composizione riflette i principi di una rappresentanza regionale e di genere equilibrata con la partecipazione e il coinvolgimento dei giovani. Il presidente di questo comitato esplorativo è la vescova Susan Johnson, della Chiesa Evangelica Luterana in Canada (ELCIC).

Testimonianza comune

Nella lettera inviata dalla sua città natale di Numan, Adamawa State, in Nigeria, Musa invita i leader delle Chiese a “individuare candidati idonei, in modo che possa essere eletta una persona capace di continuare a guidarci nel nostro comune cammino di testimonianza di Gesù Cristo e di comune servizio al mondo, oggi più importante che mai.”

Rivolgendosi ai capi delle Chiese locali in tutto il mondo, il presidente della LWF scrive: “È con gioia che penso a tutti voi mentre scrivo questa lettera, e come sempre chiedo a nostro Signore di tenere la sua mano protettrice su tutti voi e di stare al vostro fianco nella guida delle vostre Chiese, specialmente in questi tempi difficili di pandemia da COVID 19, e di indicarci la giusta via da seguire.”

Il nuovo Segretario Generale sarà eletto dal Consiglio della FML nella sua riunione del giugno 2021 e assumerà la direzione della Federazione il 1° novembre 2021. Sarà eletto per un mandato di sette anni e sarà anche incaricato, in qualità di responsabile dell’ecumenismo, di curare i rapporti con le altre chiese cristiane. Uno dei primi compiti del successore di Martin Junge sarà la preparazione della 13a Assemblea della FML, che si terrà sotto la sua presidenza a Cracovia, in Polonia, nel settembre 2023, come anche dell’attuazione delle decisioni prese da tale Assemblea.

In conclusione della sua lettera Musa scrive: “Possa Dio continuare a ispirare la vostra chiesa e la nostra comunione di chiese ad annunciare la buona novella di Gesù Cristo, a servire i nostri vicini con misericordia e a lavorare pubblicamente per la giustizia per tutti gli uomini e la dignità di tutti.”

(Ginevra/ LWI) -15.09.2020

Traduzione: nd