Preghiamo e impegniamoci insieme

1° settembre Giornata mondiale di preghiera ecumenica per il creato

Il primo settembre cristiani di tutto il mondo si uniscono nella preghiera per la custodia del creato. L’idea di una giornata mondiale di preghiera ecumenica è stata lanciata nel 1989 dal Patriarca Ecumenico di Costantinopoli Dimitrios, che ha chiamato tutto il mondo ortodosso e cristiano a pregare per salvaguardare il creato e con questo anche il futuro delle prossime generazioni. Una preghiera diventata ancora più importante trent’anni dopo, ai nostri giorni, quando il cambiamento climatico e le conseguenze del continuo aumento della temperatura si fanno sempre più sentire nel mondo, in Europa e proprio in questi giorni particolarmente anche in Italia.

La Chiesa Evangelica Luterana in Italia ha chiuso il suo Sinodo del 2019 con un forte impegno per la sostenibilità e l’ecologia. La dichiarazione conclusiva del Sinodo è stata una presa di posizione su come la CELI intenda affrontare il proprio cammino verso il futuro con riferimento al tema del sinodo Fede e Futuro – Fede e Azione e in riferimento alla responsabilità per il creato e la vita delle future generazioni. Questi i punti salienti:

  1. “Riconosciamo che abbiamo peccato nei confronti delle buone intenzioni di Dio con il suo Creato e prendiamo atto che stiamo puntando verso una catastrofe globale irreversibile.“
  2. “Ci impegniamo a cambiare il nostro stile di vita personale attraverso misure concrete, per vivere e agire in maniera più equa.”
  3.  “Ci informiamo, impariamo gli uni dagli altri”. Nominiamo un referente per l’Ambiente nelle nostre Comunità e a livello della CELI.“
  4. “Creiamo reti a livello locale e interregionale con altri attori (Chiese, istituzioni). Quando celebriamo e agiamo, lo facciamo nella consapevolezza del processo conciliare di pace, giustizia e mantenimento del Creato.”
  5.  “Come Chiesa Evangelica Luterana in Italia (CELI) difendiamo ovunque gli equilibri del Creato che Dio ci ha affidato, tanto nella politica nella società.“

nd