Solidarietà alle chiese e al popolo dello Zimbabwe

La lettera ecumenica pastorale è firmata dai leader di quattro organismi mondiali di chiese

Ieri la Federazione luterana mondiale (Flm), il Consiglio ecumenico delle chiese (Cec), la Comunione mondiale delle chiese riformate (Wcrc) e il Consiglio metodista mondiale hanno inviato una lettera pastorale nella quale si esprime solidarietà a tutte le chiese e al popolo dello Zimbabwe impegnati nella difesa dei diritti umani, nella lotta per la giustizia e la sicurezza fisica ed economica delle proprie comunità.

Gli estensori della lettera aperta – il Rev. Dr Ioan Sauca, segretario generale ad interim del Cec, il Rev. Dr Martin Junge, segretario generale della Flm, il Rev. Dr. Chris Ferguson, segretario generale del Wcrc, e il vescovo Ivan M. Abrahams, segretario generale del Wmc – affermano di essere venuti a conoscenza del deterioramento delle condizioni in cui vivono donne, bambini, giovani le cui vite ogni giorno sono minacciate dalla fame, dalla disoccupazione, dalla corruzione e dall’insicurezza. Inoltre, la pandemia di Covid-19 ha esacerbato la situazione economica e ha colpito seriamente il già fragile sistema di salute pubblica e di istruzione. Lo sciopero messo in atto dai medici ha interessato milioni di Zimbabwiani – inclusi bambini e donne incinte – che non hanno accesso alle cure mediche essenziali.

«Mentre comprendiamo la gravità delle sfide poste dalla pandemia, riconosciamo altresì che le cause profonde della corruzione e la lunga incapacità di tutelare i diritti umani risiedono nelle fallite strutture di governo».

Nella lettera si condanna fermamente il crescente uso della forza, della violenza e dell’intimidazione verso le persone che protestano, in particolare coloro che si oppongono al governo. Si esprime particolare preoccupazione per «il maltrattamento di attivisti politici e altri difensori dei diritti umani. Noi condanniamo fortemente gli abusi sessuali e le violenze contro le donne attiviste. Riteniamo inaccettabile la detersione di giornalisti e leader politici».

Le organizzazioni religiose, trovando incoraggiamento nel ministero svolto dalle chiese nello Zimbabwe a favore dei più deboli, che si radica nella ferma speranza che esse pongono in Gesù Cristo, rinnovano il loro impegno a sostenere le chiese membro dello Zimbabwe nella lotta per la giustizia, la dignità e la protezione dei diritti umani. «Possa la vostra voce continuare a farsi sentire a favore dei più vulnerabili».

www.riforma.it, 18.08.2020