Una bella risata pulisce l’anima

31 marzo 2020 – Umorismo

Devo ammettere che mi mancano davvero molto gli incontri con la mia comunità e anche con i fratelli ecumenici nella fede. Anche se in questi giorni facciamo innumerevoli telefonate per mantenere vivi i contatti, mancano eccome l’incontro personale, la stretta di mano e gli abbracci. Come mi mancano l’umorismo e la particolare unicità di ogni singolo incontro. L’umorismo tra fratelli e sorelle ci vuole, abbiamo bisogno di avere qualcosa di cui sorridere soprattutto in tempi come questi. Da parte di mio fratello che vive in Germania mi arrivano spesso delle caricature o delle piccole barzellette che hanno come bersaglio il Coronavirus. Un collega che vive in campagna nella parte est della Germania mi ha scritto: “Nessuno sa meglio di noi pastori della ex DDR come fare fronte a chiese e panche vuote! In questi giorni della quarantena sono innumerevoli i video, le foto e i racconti che ci illuminano per un attimo il viso con un sorriso. Meno male!

“L’umorismo rafforza la fede nel momento del bisogno” scrive Dietrich Bonhoeffer. Questa frase mi fa venire in mente una vecchia barzelletta dei tempi del Terzo Reich. Il segretario del partito nazista di un piccolo villaggio prima dell’inizio del culto va all’altare per un annuncio: “Tutti coloro che non sono ariani lascino immediatamente questa chiesa! Cala il silenzio. Da dietro l’altare si sente il rumore metallico di ferramenta che cade sul pavimento in pietra. È Gesù che è sceso dalla croce, a testa bassa bassa davanti al funzionario nazista e con lo sgomento totale della comunità esce dalla chiesa.

Le lacrime di dolore si trasformeranno in lacrime di gioia, dice la Bibbia. “Beati voi che piangete ora, perché riderete” scrive Luca nel capitolo 6. E infatti sono già in gioiosa attesa dei primi incontri con la mia comunità, con degli ospiti e anche con i nostri fratelli e sorelle ecumenici. Non vedo l’ora che arrivi la “risata pasquale”. Magari non sarà ancora possibile stringersi la mano o abbracciarsi sul portale della chiesa, ma sarà ugualmente una gioia mandarsi dei baci “soffiati” dalla giusta distanza o salutarsi strofinandosi i piedi.

PS. Raccontatevi e scrivetevi delle barzellette. E mi raccomando, inventatevi un bel pesce d’aprile per domani. Una bella risata pulisce l’anima!

Martin Krautwurst, pastore della Comunità Evangelica Luterana di Merano

trad. nd

Foto: Thomas Grau da Pixabay