Conflitti? Riconciliatevi!

Improvvisamente resto a riflettere su due versi della Bibbia – ed aprono pensieri che sono importanti per me per il futuro agire della nostra chiesa (Glaube und Handeln – fede e futuro):
“Esorto Evodia ed esorto Sintìche a essere concordi nel Signore. Sì, prego pure te, mio fedele collaboratore, vieni in aiuto a queste donne, che hanno lottato per il vangelo insieme a me, a Clemente e agli altri miei collaboratori i cui nomi sono nel libro della vita” (Filippesi 4,2 – 3).

Un conflitto nella comunità dei Filippesi allora! Due donne vengono citate come due contendenti. Evodia (il nome significa “buon odore”) e Sintìche (“evento felice”) non vengono menzionate altrove. Su cosa discutono le due, tanto da giungere alle orecchie di Paolo nel lontano Efeso? Non lo sappiamo. E così sia!
Così noi , uomini e donne, non possiamo, durante i nostri conflitti, dire: non ci riguardava! Per ogni conflitto nelle nostre comunità, valga l’appello di Paolo: “Siate sempre lieti nel Signore!” E spesso è un bene avere un mediatore o una consulente, un “fedele collaboratore”.
Approfittate del periodo estivo, durante il quale la vita comunitaria è più tranquilla, per affrontare e risolvere i problemi con lo scopo di essere lieti nel Signore. Sarebbe un vero peccato se le nostre forze, con le quali abbiamo lottato per il vangelo, fossero sprecate alla fine per inutili discussioni! “Siate riconciliati con Dio!” (Corinzi 5,20) e riappacificatevi!

DIGITAL CAMERA

Helmut Schwalbe, pastore di Torre Annunziata