Celi

“La Chiesa si fonda nella fede, dottrina e culto sull’Evangelo di Gesù Cristo, come è testimoniato nella Sacra Scrittura, Antico e Nuovo testamento, e nelle confessioni di fede della Chiesa antica e sulla Confessione Augustana del 1530” Questo è l’articolo 1 della Costituzione della Chiesa Evangelica Luterana in Italia (CELI).

La CELI è:

  • UNA CHIESA EVANGELICA
  • UNA CHIESA LUTERANA
  • UNA MINORANZA NELLA DIASPORA

Il movimento di Riforma ha le sue radici nella chiesa medioevale e comprende il periodo della storia della Chiesa fino alla Riforma stessa (vedi voce apposita) del XVI secolo, tramite Martin Lutero anche come storia propria. Ciò viene espresso anche nella confessione di fede, nel culto, nella dottrina e nell’etica. Così le confessioni di fede e le decisioni dogmatiche della chiesa antica valgono anche per la Chiesa luterana.

Una Chiesa Evangelica

“Evangelico” deriva dalla parola greca “euangelion” con il significato di “buon messaggio, buona notizia”. La denominazione di un gruppo di cristiani come “evangelico” nasce al tempo della Riforma in Europa centrale. Così si definivano, essi stessi, i gruppi riformatori per rendere più chiaro che essi, a differenza della Chiesa Cattolica romana, fondavano la loro confessione di fede, il loro culto, i loro sacramenti, la loro dottrina e la loro etica solo sull’Evangelo di Gesù Cristo, così come è contenuto nella Sacra Scrittura (“sola scriptura”).

Una Chiesa Luterana

Poiché la CELI nella dottrina, nell’etica e nella vita spirituale segue le fondamenta gettate da Martin Lutero e dai teologi legati a lui, essa si chiama “luterana”, cioè “secondo Lutero”. La CELI condivide con le altre Chiese nate dalla Riforma le basi confessionali (sola scriptura, sola gratia, sola fide, solus Christus) e le differenze con la chiesa cattolica (papato, comprensione della chiesa e del ministerio, venerazione di Maria e dei santi, dottrina dei sacramenti). Nella liturgia, nella dottrina dell’eucaristia, nella comprensione della chiesa e del ministero è legata alla tradizione luterana, sebbene alcune delle sue comunità siano d’origine “unita” (Roma, Napoli) o siano nate dall’unione con comunità riformate (Milano, Varese)